Prosa

Slowmachine

Lo zoo di vetro

da Tennessee Williams
con Giuseppina Turra, Elena Strada, Ruggero Franceschini, Diego Facciotti
ideazione e regia Rajeev Badhan
animazioni Emanuele Kabu

Primo successo di Tennessee Williams, Lo Zoo di Vetro è un’opera di rara delicatezza poetica, di simbolica visionarietà e d’innovazione letteraria. Presenta cinque “personaggi della memoria”: Tom, alter ego dell’autore, sua Madre, sua Sorella, suo Padre e Jim “quel qualcosa da lungo atteso ma sempre rinviato per il quale viviamo”. Solitudine, isolamento, bellezza, amore, scontro generazionale, aspettative mancate, sono molti i temi toccati e la regia di Rajeev Badhan punta a darvi risalto anche attraverso l’elemento del video, che trasporta lo spettatore all’interno dell’universo soggettivo del ricordo e della fantasia. Lo Zoo di Vetro è “dramma del ricordo” e il ricordo è selettivo, vive nella sua soggettività, è liquido, trasparente e fragile…come il vetro.